Gestione del rischio clinico

Versione stampabileVersione stampabile

La gestione del rischio clinico indica un insieme di attività volte a identificare, valutare ed eliminare i rischi attuali e potenziali all'interno delle strutture sanitarie al fine di assicurare qualità e sicurezza alle prestazioni assistenziali.
Quello della prevenzione dell'errore costituisce oggi uno dei temi più impegnativi per le Aziende Sanitarie. La pubblicazione nel 1999 del rapporto dell'Institute of Medicine intitolato "To err is Human" mettendo in evidenza una preoccupante incidenza di eventi avversi nella pratica clinica, ha posto l'accento sulla necessità per le strutture sanitarie di predisporre iniziative finalizzate a ridurre la possibilità di errore e ad innalzare il livello di sicurezza delle cure.
In questo scenario l'Azienda ha da tempo sviluppato un approccio proattivo al risk management concretizzatosi con l'adozione di una serie di procedure e percorsi diagnostico terapeutici volti a migliorare la gestione del paziente in condizioni critiche e più in particolare nelle sale operatorie e nell'area di emergenza.
Le iniziative di gestione del rischio clinico vengono sviluppate alla luce sia delle direttive regionali che delle iniziative avviate dal Ministero della Salute in tema di qualità e sicurezza delle cure.
L'Azienda, inoltre, è stata individuata struttura capofila in ambito regionale per la realizzazione di un progetto per la sicurezza del paziente e la gestione del rischio clinico relativamente al quale è stata sviluppata una collaborazione con Joint Commission International per lo sviluppo ed applicazione di una metodologia di analisi e valutazione dei rischi.

Le Quick reference
Prevenire gli errori di comunicazione: l'informazione ed il consenso
documento (9,6Mb)
Prevenire gli errori di comunicazione: la cartella clinica
documento (9,1Mb)
Prevenire gli errori nella gestione delle tecnologie: l'elettrobisturi
documento (7,2Mb)
Prevenire gli errori nella gestione dei farmaci e della terapia
documento (5,7Mb)
Prevenire il rischio di caduta del paziente in ospedale
documento (7,5Mb)
Prevenire gli errori trasfusionali
documento (3,1Mb)
Prevenire gli errori trasfusionali
documento (4,8Mb)
Prevenire gli errori nel posizionamento del paziente sul letto operatorio
documento (5,7Mb)
Prevenire il rischio di errori nel prelievo venoso
documento (5,7Mb)
Prevenire gli errori di comunicazione: il registro operatorio
documento (2,8Mb)
Prevenire il rischio infettivo: le modalità di sanificazione della sala operatoria
documento (4,4Mb)
Prevenire gli errori nella gestione delle tecnologie: le apparecchiature e gli impianti della sala operatoria
documento (4,5Mb)
Prevenire gli errori di comunicazione: modalità di identificazione del paziente
documento (3,4Mb)
Prevenire gli errori di preparazione all'intervento chirurgico: le misure preoperatorie generali
documento (4,4Mb)
Prevenire gli errori di comunicazione: l'identificazione del lato del sito chirurgico
documento (1,7Mb)
Prevenire gli errori di comunicazione: il metodo SBAR
documento (3,2Mb)
Prevenire gli errori nelle emergenze intra-ospedaliere: le modalità di gestione del carrello di emergenza
documento (3,6Mb)
Prevenzione degli errori di identificazione, invio, trasporto dei campioni cito-istologici
documento (2,5Mb)
Modalità di compilazione della richiesta di esame cito-istologico, raccolta dei campioni cito-istologici
documento (3,5Mb)
Valutazione, indagini strumentali e gestione iniziale del trauma cranico nei neonati, nei bambini e negli adulti
documento (8,0Mb)
La gestione del dolore toracico non traumatico nell'adulto
documento (12,5Mb)
La profilassi antibiotica in chirurgia
documento (15,3Mb)
Procedura di accoglienza dei pazienti con dolore toracico suggestivo di SCA-STEMI
documento (6,8Mb)
 

 

Piano per la qualità e il rischio clinico 2012